*[Disney Princess Book Tag]*

È estate, anche se il clima sembra dimenticarsene, e in estate oltre a leggere di più si dicono e si scrivono un sacco di frivolezze. Ecco perché appena ho trovato quest’altro tag a tema letterario collegato alle principesse Disney non ho resistito e l’ho compilato subito, stavolta cercando di essere un po’ più esplicativa del solito nella descrizione dei libri meno conosciuti, si sa mai di invogliare qualcuno alla lettura di uno di essi.

principesse-disney
1) Anna ed Elsa – Un libro che coinvolga rapporti di parentela fratelli/sorelle
il libro che sto per citare è uno di quelli che mi ha fatto odiare le biblioteche, con tutto il fantastico servizio che offrono. Nella biblioteca delle mie scuole elementari presi a suo tempo un libro bellissimo, che ho odiato restituire e che ovviamente è ormai fuori catalogo e introvabile.
Si tratta di “Voglio tornare a casa” di Cynthia Voigt, la storia di quattro fratelli che vengono abbandonati dalla madre nel parcheggio di un supermercato e guidati dalla sorella maggiore viaggiano in cerca di una sistemazione. È ancora il primo libro che mi viene in mente se si parla di rapporti fraterni, vorrà dire che lo cercherò!

2) Rapunzel – Un libro che ti ha fatto sentire emotiva
non sono molti (o scelgo male le mie letture o sono troppo distaccata quando leggo), ma per diversi motivi direi “Robin Hood” di Dumas – che mi ha fatto piangere sul finale – “Dieci piccoli indiani” della Christie – che mi ha inquietato – e “Profumo” di Suskind che mi ha tenuto sulle spine.

3) Merida – Un libro con una guerriera donna
a sorpresa dico “La signora delle camelie” del mio amore letterario Dumas, perché non c’è donna più guerriera di Marguerite Duras che ha ispirato la Violetta di Verdi per la Traviata.

4) Tiana – Un libro che affronta problemi reali
è un saggio sull’educazione, quindi è piuttosto normale che affronti problemi reali, ma mi viene in mente “Dalla parte delle bambine” di Elena Gianini Belotti (ne ho parlato brevemente qui )

5) Belle – Un libro classico
quale scegliere? “Via col vento”, più recente di altri, ma terribilmente emozionante?
“I tre moschettieri”, impegnativo e avvincente? O magari “1984” apocalittico e angosciante?
Non si può scegliere tra i classici, sono tali proprio perché sono immortali nel tempo, pur essendo diversi tra loro sono indimenticabili per la loro capacità di tenerti attaccata alle pagine!

6) Pocahontas – Un libro con a tema la natura, o scritto da un naturalista
avevo iniziato a leggere anni fa “La ragazza sull’albero”, ovvero l’autobiografia di Julia Butterfly Hill, che passò due anni in cima a una sequoia di 55 metri per impedirne l’abbattimento. Leggo ora da Wikipedia che il libro che non ho mai terminato è del 2000, ora che sono più grande potrei dargli una seconda possibilità, riprenderlo e finirlo. Invece un saggio particolarmente illuminante sull’argomento è stato “Dialogo sullo -spr+eco” di Cirri e Segrè.

7) Jasmine – Un libro con il desiderio di libertà
L’amante di Lady Chatterley” di Lawrence in realtà me lo sarei aspettato ancora più scollacciato, ma direi che decisamente esprime molto desiderio di libertà, descrivendo il tradimento di una nobildonna che non trovando l’amore di cui ha bisogno nel marito ormai paralizzato lo cerca e lo trova nel guardiacaccia della sua tenuta.

8) Mulan – Un libro con guerre o battaglie
non ho letto molto a riguardo, ma piuttosto che dire “Il cavaliere d’inverno” di Paullina Simmons che per quanto bellissimo è un romanzo, preferisco citare un testo di memorie, ovvero “Il sergente nella neve” di Mario Rigoni Stern che ho letto per sentirmi partecipe mentre mi imbucavo alle lezioni di letteratura contemporanea che una mia amica doveva seguire.

9) Ariel – Un libro che tratta di curiosità o apprendimento
(cosa avrà voluto dire?) ho appreso molto con i saggi, ad esempio “La parola immaginata” di Annamaria Testa mi ha istruito sul mestiere di editor, mentre “Il corpo delle donne” di Lorella Zanardo mi ha fatto riflettere sui ruoli che la donna ha all’interno dei mass media italiani.

10) Cenerentola – Un libro che tratta di lavoro manuale
beh… ho sfogliato qualche ricettario, ma di libri che parlino di lavori manuali non me ne vengono davvero in mente!

11) Aurora – Un libro che coinvolga il sonno
se avessi letto per intero “Notre Dame de Paris” di Victor Hugo avrebbe sicuramente ottenuto questo effetto, ma avendo io la pessima abitudine di saltare le pagine senza pietà sono riuscita ad apprezzarlo senza sciropparmi le luuunghissime descrizioni di Parigi. Stesso discorso vale per “Papà Goriot” di Balzac, che aveva pure il deterrente di dover essere letto per scuola.

12) Biancaneve – Un libro che comprenda uno dei sette vizi capitali
ce l’ho! “L’abisso” di Gianluca Morozzi è sicuramente il libro che meglio descrive la pigrizia!
Parla di un ragazzo che dai colli bolognesi si trasferisce per studiare in città e si abitua talmente tanto al cazzeggio universitario che finisce per falsificare agli occhi dell’anziana e orgogliosa madre rimasta in provincia i voti degli esami su un libretto fasullo… finché arriva il presunto giorno della laurea. Divertentissimo e angosciante al tempo stesso.

Principesse Bonus:

Megara – Un libro che tratti di mitologia Greca
I ganzi greci”, fa parte di quella collana per ragazzi che parla della storia di un popolo in termini umoristici! Ho anche “I rivoltanti romani”, “I sadici sassoni” e naturalmente gli “Irosi irlandesi”! 😀

Alice – Un libro senza senso o che tratti di mondi strani
Sturdust” di Neil Gaiman. Praticamente l’unico fantasy che abbia mai letto, deludente come me lo aspettavo. Fate, elfi, cose volanti non fanno per me.

Principesse animali

Lady Marian – Un libro con un cane
non mi piacciono molto i libri cinofili e ancora meno i film a tema canino… però inIl gioco di Gerald” di Stephen King un cane randagio entra dalla porta aperta nella baita in cui è legata al letto senza scampo la protagonista e inizia a sbocconcellarsi il cadavere del marito! Non è proprio il migliore amico dell’uomo, ma è un cane all’interno di un libro! 😀
(e comunque Lady Marian è una volpe… e con la volpe avevo Le streghe delle colline” di Mariella Ottino e Silvio Conte, sempre per ragazzi, ma bellissimo libro adolescenziale vagamente stregonesco che alle medie mi era piaciuto tantissimo!)

Nala – Un libro con un felino
ho spulciato tutta la mia lista e ho trovato solo Problemi? Ditelo pure a me!” un vecchio libro della collana Le ragazzine” (quelli con la sfogliatura rosa, per chi non è cresciutA negli anni ’90) in cui la protagonista aiuta la pazza gattara dell’ultimo piano del suo palazzo a sgombrare e nascondere le centinaia di gatti che ospita in casa per evitarle lo sfratto.

Questa lista ha moltissimi libri per ragazzi, ma non mi vergogno di averne letti parecchi anche in età (più o meno) adulta. Sono importantissimi nell’evoluzione di un lettore, perché sono le basi per affrontare letture più impegnative in futuro.

E poi suvvia, un po’ di leggerezza in un tag a tema Principesse Disney! 😀

Annunci

Ehi tu! Avrai qualcosa da dire, no?!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...